Occuparsene senza preoccuparsene (Adele Lamonica)

Mi ha dato lo spunto per questa riflessione un post su Facebook di una mia cara amica che ha citato Baudrillard  (un sociologo e filosofo francese) le cui analisi sociologiche sono "illuminanti".

Non sto qui a spiegare i temi filosofici di Baudrillard pechè sarebbe lungo, complicato e probabilmente noioso per molti. Mi interessa però sottolineare, nell'economia del nostro Universo Parallelo e della nostra vita vista da Transurfer, come molte intuizioni di menti illuminate convergano insieme verso quelli che sono i capisaldi di un "modo" di pensare, ma soprattutto di interpretare "la realtà". E dato che parlerò tra poco di sincronicità, quella che è meravigliosa è proprio la sincronicità del pensiero. Soprattutto quella che si realizza tra menti distanti per modi e per epoche.

Fatta questa premessa mi interessa parlare di quelli che Baudrillard definisce i "simulacri".
Per questo filosofo il presente è un insieme di segni che determinano una iperrealtà virtuale, di segni, appunto, che significano un oltre, che hanno valore di qualcosa. Questi "segni" Baudrillard li definisce simulacri.

Viviamo quindi in una società di simulacri, dove è ribaltato completamente il concetto di realtà (attenzione, di realtà non della verità, quella vive nello Spazio delle Varianti ed è determinata dall'Intenzione Esterna ci dice il Transurfing). Ovviamente Baudrillard attribuisce una grande responsabilità di tutto questo ai media e alla loro distorta e fuorviante informazione.

Come non associare i simulacri ai pendoli del Transurfing?

E qui si inserisce un'altra "coincidenza" interessante tra il pensiero di Baudrillard e quello di Jung. Per Jung il processo che cerca di far avvicinare il più possibile l'Io e il Sé viene definito processo di individuazione. Come avviene questo processo?
Tramite i significati che ognuno di noi attribuisce ai simboli/segni che in qualche modo definiscono la nostra realtà. E quindi anche ai significati degli archetipi. Il modo in cui noi raccontiamo noi stessi agli altri (esprimendo il nostro Io – nel Transufing la Ragione) e il modo in cui "viviamo" il mondo a livello interiore (definendo in nostro Sé – nel Transurfing l’Anima), nel processo di individuazione tenderanno ad avvicinarsi (nel Transurfing attraverso l’equilibrio Anima/Ragione). E questo processo viene facilitato dalla sincronicità.

Il termine sincronicità deriva dal greco dalle radici greche syn (con/unione) e khronos (il tempo dei greci che definisce "ora"): quindi unione nel qui e ora.  Con/ora: simultaneità.
Per definire la Sincronicità con le parole di Jung: «Gli eventi sincronici si basano sulla simultaneità di due diversi stati mentali.»

Ma, se come afferma Baudrillard i segni della realtà sono alterati, di fondo tutti i "segni" che ci circondano hanno perso il loro reale significato e per certi versi anche il loro “signifcato inconscio” non riuscendo più a trasmettere quello che in realtà dovrebbero.

In un articolo che ho letto da qualche parte c'è un esempio perfetto: è come se una penna, che può rappresentare il concetto di scrittura, si dissociasse dalla realtà, trasmettendo un’altra funzione pur mantenendo la stessa forma. Ci sarebbe come una dissonanza perversa tra l’osservatore da una parte e l'oggetto, tra realtà e percezione. In un modo talmente profondo da ridefinire addirittura gli Archetipi dell'inconscio collettivo e ne creandone di nuovi.

Secondo una certa letteratura post junghiana, rafforzata dal pensiero di Baudrillard gli Archetipi potrebbero essere anche costruiti ad hoc e diffusi nella collettività.

In conclusione: non solo dormiamo, ma ci viene indicato anche quello che dobbiamo sognare. Ed essendo il sogno la "voce" dell'inconscio, ci viene praticamente costruito un "inconscio ad hoc" che risponda ai requisiti della "realtà". Che è quello che dice con parole diverse anche Zeland nel Transurfing quando parla di “sistema tecnogeno”.
Ancora una volta e oggi più che mai è necessario svegliarsi e attivare il proprio Guardiano Interno. Non smettere di osservare e ricordarlo sempre!!


90222710_10219029519721416_3311467867374878720_njpg